Spybot Search & Destroy – Come proteggersi dallo spyware a costo zero!

By | 12/08/2011

In un senso molto ampio, il termine spyware è spesso usato per definire un’ampia gamma di malware (software maligni) dalle funzioni più diverse, quali l’invio di pubblicità non richiesta (spam), la modifica della pagina iniziale o della lista dei Preferiti del browser, oppure attività illegali quali la redirezione su falsi siti di e-commerce (phishing) o l’installazione di dialer truffaldini per numeri a tariffazione speciale.

Gli spyware, a differenza dei virus e dei worm, non hanno la capacità di diffondersi autonomamente, quindi richiedono l’intervento dell’utente per essere installati. In questo senso sono dunque simili ai trojan. Uno spyware può essere installato sul computer di un ignaro utente sfruttando le consuete tecniche di ingegneria sociale. Molti programmi offerti “gratuitamente” su Internet nascondono in realtà un malware di questo tipo: il software dunque non è gratuito, ma viene pagato attraverso un’invasione della privacy dell’utente, spesso inconsapevole. In alcuni casi, la stessa applicazione che promette di liberare dagli spyware ha in realtà installato spyware o è essa stessa uno spyware.

Gli spyware costituiscono innanzi tutto una minaccia per la privacy dell’utente, in quanto carpiscono senza autorizzazione informazioni sul suo comportamento quando connesso ad Internet: tempo medio di navigazione, orari di connessione, siti Web visitati, se non dati più riservati come gli indirizzi e-mail e le password. Le informazioni raccolte vengono inviate ad un computer remoto che provvede ad inviare pubblicità mirata sulle preferenze ricavate dall’analisi del comportamento di navigazione. Gli annunci possono essere ricevuti sotto forma di pop-up, banner nei siti Web visitati o nel programma contenente lo spyware o, nei casi più invasivi, posta elettronica non richiesta (spam). Talvolta lo spyware è utilizzato da vere e proprie organizzazioni criminali, il cui obiettivo è utilizzare le informazioni raccolte per furti di denaro tramite i dati di home banking o tramite i numeri di carta di credito.

Un discreto livello di protezione contro l’azione degli spyware può essere offerto dall’installazione di un personal firewall, che permette in alcuni casi di negare l’accesso ad Internet ad applicazioni sospette. La presenza di un antivirus può non essere sufficiente a proteggere dagli spyware, dato che essi non sono virus o worm; va tuttavia sottolineato che molti antivirus hanno da tempo integrato il riconoscimento preventivo degli spyware nelle funzionalità del proprio motore di scansione. Esistono inoltre specifici programmi antispyware, e cioè concepiti appositamente per rilevare e cancellare spyware dal sistema.

Lascia un Commento