Il futuro del web si chiama HTML5?

di | 17/08/2011

Da qualche anno a questa parte HTML5 sta facendo parlare di sè su come questo possa in parte, o totalmente, cambiare il modo di vedere il Web. Per chi non lo sapesse HTML5 è il nuovo linguaggio per la progettazione di siti Web, ma ancora in fase di definizione dal WorldWideWeb Consortium. La data di uscita definitiva è stimata per il luglio del 2014.

Il futuro del web si chiama HTML5?

Ma HTML5 come può cambiare il Web? Per prima cosa sarà la prima alternativa (o, chissà, sostituirà) valida a Flash player. Ci sono validi motivi per cui questo possa avvenire. In primo luogo le pagine Flash sono molto pesanti. In secondo luogo richiede l’installazione di un plug-in del browser quale può portare a rallentamenti ad esso ma soprattutto le pagine sono poco indicizzabili. Con HTML5 succederà il contrario perchè quasi tutto quello che si è fatto, si fa e si farà in Flash sarà possibile farlo con questa nuova tecnologia. I vantaggi saranno notevoli a partire dalla velocità di caricamento delle pagine, alla sicurezza e leggerezza dei siti internet. Un esempio ce l’abbiamo con questa Web Application che riproduce il sistema solare usando solo HTML5 senza l’utilizzo di Flash.

Con HTML5 sta venendo fuori anche l’aggiornamento di CSS, CSS3, anch’esso in fase di definizione. Esso presenta un sacco di novità importanti. Con lo scopo di alleggerire notevolmente le pagine Web sono state create proprietà per usare colori gradienti, arrotondare bordi, creare ombre, opzioni che con CSS2 sarebbero solo possibili utilizzando immagini e quindi appesantendo le pagine con l’effetto di rallentamento. Con CSS3 sarà possibile creare più o meno semplici animazioni senza l’utilizzo di Flash.

Punto contro HTML5 è ancora la non totale interpretazione da parte dei browser. Per esempio non è supportato da Internet Explorer, che sappiamo essere uno dei browser più utilizzati al mondo. E’ però supportato da Google Chrome, Safari ed in parte da Opera e Mozilla Firefox.

Ancora dovremo aspettare poco meno di 3 anni per vedere se in effetti cambierà il web o se sarà semplicemente un fiasco completo.